Eiaculazione

Eiaculazione

L’eiaculazione è la fuoriuscita di sperma dal tratto riproduttivo maschile come risultato di un orgasmo. È lo stadio finale e l’obiettivo naturale della stimolazione sessuale maschile ed è una componente essenziale del concepimento naturale.

In rari casi, l’eiaculazione avviene a causa di una malattia prostatica. L’eiaculazione può avvenire anche spontaneamente durante il sonno (un’emissione notturna o “sogno bagnato”). L’eiaculazione è di solito molto piacevole per gli uomini.

La stimolazione sessuale del pene durante la masturbazione o l’attività sessuale vaginale, anale, orale o non penetrativa può fornire lo stimolo necessario all’uomo per raggiungere l’orgasmo e l’eiaculazione. Gli uomini in genere raggiungono l’orgasmo 5-7 minuti dopo l’inizio del rapporto sessuale.

L’eiaculazione precoce è quando l’eiaculazione avviene prima del tempo desiderato. Se un uomo non è in grado di eiaculare in modo tempestivo dopo una stimolazione sessuale prolungata, nonostante il suo desiderio di farlo, si parla di eiaculazione ritardata o anorgasmia. Un orgasmo che non è accompagnato dall’eiaculazione è noto come orgasmo secco.

Quando un uomo ha raggiunto un livello di stimolazione sufficiente, inizia l’orgasmo e l’eiaculazione. A quel punto, sotto il controllo del sistema nervoso simpatico, viene prodotto lo sperma. Lo sperma viene espulso attraverso l’uretra accompagnato da contrazioni ritmiche. Queste contrazioni fanno parte dell’orgasmo maschile. Esse sono generate dai muscoli bulbospongioso e pubococcigeo sotto il controllo di un riflesso spinale a livello dei nervi spinali S2-4 attraverso il nervo pudendo. Il tipico orgasmo maschile dura diversi secondi.

Dopo l’inizio dell’orgasmo, gli impulsi di sperma cominciano a fluire dall’uretra, raggiungono un picco di scarica e poi diminuiscono.

L’orgasmo tipico consiste in 10-15 contrazioni, anche se è improbabile che l’uomo ne sia cosciente. Una volta che la prima contrazione ha avuto luogo, l’eiaculazione si completerà come un processo involontario. In questa fase l’eiaculazione non può essere fermata. Il ritmo delle contrazioni rallenta gradualmente durante l’orgasmo. Le contrazioni iniziali avvengono ad un intervallo medio di 0,6 secondi con un incremento crescente di 0,1 secondi per contrazione.

L’eiaculazione di solito inizia durante la prima o la seconda contrazione dell’orgasmo. Per la maggior parte degli uomini, la prima espulsione di sperma avviene durante la seconda contrazione, mentre la seconda in genere corrisponde al 40% o più del totale dello sperma. Dopo questo picco, l’entità dello sperma che il pene emette diminuisce man mano che le contrazioni iniziano a diminuire di intensità. Le contrazioni muscolari dell’orgasmo possono continuare dopo l’eiaculazione senza che si verifichino ulteriori scariche di sperma.

La maggior parte degli uomini sperimentano un periodo refrattario immediatamente dopo l’orgasmo, durante il quale non sono in grado di raggiungere un’altra erezione, e un periodo più lungo prima di essere in grado di raggiungere un’altra eiaculazione.

La forza e la quantità di sperma che viene espulso durante un’eiaculazione varia notevolmente tra gli uomini e può contenere tra 0,1 e 10 millilitri. Il volume dello sperma degli adulti è influenzato dal tempo trascorso dall’eiaculazione precedente; volumi di sperma più grandi si vedono con una maggiore durata dell’astinenza. La durata della stimolazione che porta all’eiaculazione può influenzare il volume. Un volume di sperma più basso della norma è noto come ipospermia mentre un volume di sperma più alto è noto come iperspermia. Una delle possibili cause alla base del basso volume o della completa mancanza di sperma è l’ostruzione del condotto eiaculatorio. È normale che la quantità di sperma diminuisca con l’età.

Anche il numero di spermatozoi in un’eiaculazione varia molto, a seconda di molti fattori, tra cui il tempo trascorso dall’ultima eiaculazione, l’età, i livelli di stress e il testosterone. Una maggiore durata della stimolazione sessuale immediatamente precedente l’eiaculazione può portare a concentrazioni più elevate di spermatozoi. Un numero di spermatozoi insolitamente basso è noto come oligospermia, e l’assenza di spermatozoi dal seme è chiamata azoospermia.

La prima eiaculazione nei maschi avviene spesso circa 12 mesi dopo l’inizio della pubertà, generalmente attraverso la masturbazione o l’emissione notturna (sogni bagnati). Questo primo volume di sperma è piccolo. L’eiaculazione tipica nei tre mesi successivi produce meno di 1 ml di sperma