Erezione

Erezione

L’erezione (o tumescenza del pene) è un fenomeno fisiologico in cui avviene l’inturgidimento e l’aumento di dimensioni del pene. L’erezione del pene è il risultato di una complessa interazione di fattori psicologici, neurali, vascolari ed endocrini, ed è spesso associata all‘eccitazione e all’attrazione sessuale, sebbene le erezioni possano anche essere spontanee. La forma, l’angolo e la direzione di un’erezione varia notevolmente negli esseri umani.

L’erezione è un indicatore comune dell’eccitazione sessuale ed è necessaria per un maschio per effettuare la penetrazione vaginale o un rapporto sessuale. Inoltre l’erezione è necessaria per l’inseminazione naturale e per la raccolta di sperma per l’inseminazione artificiale.

Fisiologicamente, l’erezione è innescata dalla divisione parasimpatica del sistema nervoso autonomo, che causa l’aumento dei livelli di ossido nitrico (un vasodilatatore) nelle arterie trabecolari e nella muscolatura liscia del pene. Le arterie si dilatano facendo sì che i corpi cavernosi del pene (e in misura minore il corpo spongioso) si riempiano di sangue; contemporaneamente i muscoli ischiocavernoso e bulbospongioso comprimono le vene dei corpi cavernosi limitando l’uscita e la circolazione di questo sangue.

Come risposta del sistema nervoso autonomo, l’erezione può risultare da una varietà di stimoli, tra cui la stimolazione sessuale e l’eccitazione sessuale, e non è quindi completamente sotto il controllo cosciente. Le erezioni durante il sonno o al risveglio sono note come tumescenza del pene notturna.

L’assenza di erezione notturna è comunemente usata per distinguere le cause fisiche e psicologiche della disfunzione erettile e dell’impotenza.

Lo stato di un pene che è in parte, ma non completamente, eretto, è talvolta noto come semi-erezione (clinicamente: tumescenza parziale); un pene che non è eretto è indicato come flaccido, o morbido.

Fisiologia

L’erezione si verifica quando due strutture tubolari, chiamate corpi cavernosi, che corrono per tutta la lunghezza del pene, si ingrossano di sangue venoso. Il corpo spongioso è una singola struttura tubolare situata appena sotto i corpi cavernosi, che contiene l’uretra, attraverso la quale passano l’urina e lo sperma durante la minzione e l’eiaculazione.

Lo scroto può, ma non sempre, diventare stretto durante l’erezione. Generalmente nei maschi non circoncisi il prepuzio si ritrae automaticamente e gradualmente esponendo il glande, anche se alcuni uomini potrebbero dover ritrarre manualmente il prepuzio.

Erezioni spontanee o casuali

Le erezioni spontanee, note anche come erezioni involontarie, casuali o indesiderate, sono comuni e fanno parte della fisiologia maschile. Socialmente, tali erezioni possono essere imbarazzanti se si verificano in pubblico o quando sono indesiderate.

Dimensioni e direzione

La lunghezza del pene flaccido non è necessariamente indicativa della lunghezza del pene quando diventa eretto: alcuni peni flaccidi più piccoli possono crescere molto di più rispetto ad alcuni peni flaccidi apparentemente più grandi .

Generalmente la dimensione di un pene eretto rimane fissa per tutta la vita post-pubescente. Anche se le dimensioni del pene variano notevolmente tra i maschi, la lunghezza media di un pene umano eretto è di 13,12 cm (5,17 pollici), mentre la circonferenza media di un pene umano eretto è di 11,66 cm (4,59 pollici).

Anche se molti peni eretti puntano verso l’alto, è comune e normale che il pene eretto punti quasi verticalmente verso l’alto o quasi verticalmente verso il basso o addirittura orizzontalmente in avanti. Il tutto dipende dalla tensione del legamento sospensivo che lo tiene in posizione. Un pene eretto può anche assumere una serie di forme diverse, che vanno da un tubo dritto a un tubo con una curvatura che può essere verso l’alto, verso il basso, verso sinistra o verso destra.

Disfunzione erettile

La disfunzione erettile è una disfunzione sessuale caratterizzata dall‘incapacità di sviluppare e/o mantenere un’erezione. Lo studio della disfunzione erettile in medicina è noto come andrologia, un sottocampo all’interno dell’urologia.

La disfunzione erettile si verifica per una serie di motivi. In definitiva, la causa della disfunzione erettile è che non abbastanza ossido nitrico viene rilasciato dall’endotelio vascolare dei rami dell’arteria perineale, un ramo dell’arteria pudenda interna.

La disfunzione erettile può verificarsi a causa di motivi fisiologici o psicologici, la maggior parte dei quali possono essere trattati clinicamente. Tra i motivi fisiologici comuni vi sono il diabete, le malattie renali, l’alcolismo cronico, la sclerosi multipla, l’aterosclerosi, le malattie vascolari, tra cui l’insufficienza arteriosa e la disfunzione erettile venogena, e le malattie neurologiche, che collettivamente rappresentano circa il 70% dei casi di disfunzione erettile. Alcuni farmaci usati per il trattamento di altre condizioni, come il litio e la paroxetina, possono causare una disfunzione erettile.

Priapismo

Il priapismo è una condizione dolorosa in cui il pene non ritorna allo stato flaccido, nonostante l’assenza di stimoli fisici e psicologici. Il priapismo se dura più di quattro ore, è un’emergenza medica.