Grandi labbra

Grandi labbra

Le grandi labbra sono due pieghe cutanee simmetriche presenti nei genitali esterni femminili (detti anche vulva) che si sviluppano in senso longitudinale, superiormente a partire dal monte di Venere e posteriormente terminano nel perineo, a pochi centimetri dall’ano (a circa 2.5 – 3 cm). Vengono anche chiamate valve.
Insieme alle piccole labbra, poste all’interno delle grandi labbra, formano le labbra della vulva.

Struttura

Ogni grande labbro è composto da due facce: una laterale (interna) e una mediale (esterna).
Il lato volto verso l’esterno, pigmentato e ricoperto di peli (nelle donne adulte) è separato dalla coscia dal solco genitocrurale, mentre il lato interno, liscio e pieno di follicoli sebacei, è diviso dal corrispondete piccolo labbro dal solco interlabiale.
La fessura mediana fra le due labbra è detta rima vulvare.
Le grandi labbra sono ricche di ghiandole sudoripare e sebacee, il cui secreto funge da richiamo sessuale e lubrificante.

Corrispondono, dal punto di vista anatomico, allo scroto negli uomini.

Caratteristiche

In una donna adulta le grandi labbra misurano mediamente 7 – 8 cm di lunghezza, 2 – 3 cm di larghezza e 1.5 – 2 cm di spessore.
Diversamente dalle piccole labbra, sono ricoperte nella parte esterna di peli che compaiono durante la pubertà. Durante questa fase aumenta l’attività delle ghiandole sebacee e la cute che riveste le grandi labbra diventa più scura e spessa. I lati interni invece rimangono privi di peli e di un colore di più roseo.
Dopo la menopausa le grandi labbra si riducono di dimensione e spessore, perdendo la maggior parte del tessuto adiposo.

Funzione

La principale funzione delle grandi labbra è quella di proteggere le altre strutture della vulva, in particolare le piccole labbra, meato uretrale o urinario e l’orifizio vaginale dalle irritazioni e dall’esterno.

Durante la fase dell’eccitazione sessuale le grandi labbra tendono a ingrossarsi per l’aumento del flusso sanguigno e separarsi, rendendo più evidenti le piccole labbra.