HIV

HIV

L’HIV (virus dell’immunodeficienza umana) è un virus che attacca le cellule che aiutano il corpo a combattere le infezioni, indebolendo quindi il sistema immunitario e di fatto rendendo la persona più vulnerabile alle malattie. Si diffonde attraverso il contatto con alcuni fluidi corporei di una persona con HIV, più comunemente durante i rapporti sessuali non protetti o attraverso la condivisione di apparecchiature per la somministrazione di farmaci per iniezioni.

In genere le persone infette manifestano sintomi simili all’influenza entro 2 o 4 settimane. Questi sintomi possono durare per alcuni giorni o diverse settimane e includono:

  • Febbre
  • Brividi
  • Rash
  • Sudori notturni
  • Dolori muscolari
  • Mal di gola
  • Stanchezza
  • Linfonodi gonfi
  • Ulcere della bocca.

Tuttavia alcune persone possono non sentirsi male durante l’infezione acuta da HIV. Questi sintomi non significano necessariamente che si è affetti da HIV in quanto altre malattie possono causare gli stessi sintomi.

Se non viene trattato, l’HIV può portare alla malattia AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).

Il corpo umano non può liberarsi dell’HIV e non esiste una cura efficace. Quindi, una volta che hai l’HIV, ce l’hai per tutta la vita.

Tuttavia con l’assunzione di farmaci antiretrovirali (chiamati terapia antiretrovirale o ART), le persone con HIV possono vivere una vita lunga e prevenire la trasmissione dell’HIV ai loro partner sessuali. Inoltre esistono metodi efficaci per prevenire la trasmissione dell’HIV, tra cui la profilassi pre-esposizione (PrEP) e la profilassi post-esposizione (PEP).

Identificato per la prima volta nel 1981, l’HIV è la causa di una delle epidemie più letali e persistenti dell’umanità.

L’unico modo per sapere con certezza se si è sieropositivi è fare il test.

Le fasi dell’HIV

Quando le persone sieropositive non vengono curate, di solito progrediscono attraverso tre fasi. La medicina anti-HIV può rallentare o prevenire la progressione della malattia. Con i progressi della terapia la progressione fino alla terza fase è meno comune oggi rispetto agli inizi.

Fase 1: Infezione acuta da HIV

Le persone hanno una grande quantità di HIV nel sangue. Sono molto contagiose.
Alcune persone hanno sintomi simili all’influenza. Questa è la risposta naturale del corpo all’infezione.
Ma alcune persone possono non sentirsi male subito o non sentirsi affatto male.

Fase 2: Infezione cronica da HIV

Questa fase è anche chiamata infezione da HIV asintomatica o latenza clinica.
L’HIV è ancora attivo ma si riproduce a livelli molto bassi.
Le persone possono non avere sintomi o ammalarsi durante questa fase.
Senza l’assunzione di farmaci contro l’HIV, questo periodo può durare una decina di anni o più, ma alcuni possono progredire più velocemente.
Le persone possono trasmettere l’HIV in questa fase.
Alla fine di questa fase, la quantità di HIV nel sangue (chiamata carica virale) sale e il numero di cellule CD4 diminuisce. La persona può avere dei sintomi man mano che i livelli del virus aumentano nel corpo, e la persona passa alla fase 3.
Le persone che assumono i farmaci contro l’HIV come prescritto possono non passare mai allo stadio 3.

Fase 3: Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS)

La fase più grave dell’infezione da HIV.

Negli Stati Uniti la maggior parte delle persone con l’HIV non sviluppa l’AIDS perché l’assunzione di farmaci anti-HIV ogni giorno arresta la progressione della malattia.
Le persone con l’AIDS hanno un sistema immunitario così gravemente danneggiato da contrarre un numero crescente di malattie gravi, chiamate infezioni opportunistiche.
Le persone ricevono una diagnosi di AIDS quando il loro numero di cellule CD4 scende sotto le 200 cellule/mm, o se sviluppano alcune infezioni opportunistiche.
Le persone con l’AIDS possono avere una carica virale elevata ed essere molto contagiose.
Senza trattamento, le persone con l’AIDS in genere sopravvivono circa tre anni.