Masturbazione

Masturbazione

La masturbazione è la stimolazione sessuale dei propri genitali per l’eccitazione e il piacere sessuale e di solito viene praticata fino all’orgasmo. La stimolazione può coinvolgere mani, dita, oggetti di uso quotidiano, giocattoli sessuali come vibratori, o una combinazioni di questi.

La masturbazione reciproca è la masturbazione con il partner sessuale e può includere la stimolazione manuale dei genitali del partner  o rappresentare una forma di sesso non penetrativo.

La masturbazione è frequente in entrambi i sessi e a qualsiasi età. Nel mondo occidentale la masturbazione in privato o con un partner è generalmente considerata una parte normale e sana del godimento sessuale.

La masturbazione è stata rappresentata nell’arte fin dalla preistoria ed è sia menzionata sia discussa in scritti molto antichi. Nel XVIII e XIX secolo alcuni teologi e medici europei la definivano “atroce”, “deplorevole” e “orribile”, ma nel corso del XX secolo questi tabù sono diminuiti.

Si è assistito gradualmente a un aumento della discussione e della rappresentazione della masturbazione nell’arte, nella musica popolare, nella televisione, nel cinema e nella letteratura.

Oggi le religioni hanno opinioni diverse sulla masturbazione: alcune la considerano una pratica spiritualmente dannosa, altre la vedono come non dannosa, altre ancora hanno una visione situazionale.

Anche lo status giuridico della masturbazione è variato nel corso della storia e la masturbazione in pubblico è illegale nella maggior parte dei paesi. La masturbazione animale è stata osservata in molte specie, sia in natura che in cattività.

Tecniche

La masturbazione consiste nel toccare, premere, strofinare o massaggiare l’area genitale di una persona, sia con le dita che contro un oggetto come un cuscino; consiste anche nell’inserire le dita o un oggetto nella vagina o nell’ano e stimolare il pene o la vulva con un vibratore elettrico. Può anche comportare il contatto, lo sfregamento o il pizzicamento dei capezzoli o di altre zone erogene durante la masturbazione vera e propria. Entrambi i sessi a volte applicano lubrificanti per ridurre l’attrito.

La lettura o la visione di pornografia, fantasie sessuali o altri stimoli erotici possono portare al desiderio di masturbarsi.

Uomo

Le posizioni comuni per l’uomo includono sdraiarsi sulla schiena o a faccia in giù, sedersi, accovacciarsi, inginocchiarsi o stare in piedi.

La tecnica di masturbazione più comune tra i maschi è quella di tenere il pene tra le dita chiuse a pugno e muovere la mano su e giù per l’asta. Questo tipo di stimolazione è tipicamente tutto ciò che è necessario per raggiungere l’orgasmo e l’eiaculazione. La velocità del movimento della mano varia durante la sessione di masturbazione.

Le tecniche di masturbazione maschile possono differire tra i maschi che sono stati circoncisi e quelli che non lo sono. Per i maschi che non sono stati circoncisi, la stimolazione del pene deriva tipicamente dal “pompaggio” del prepuzio, per cui il prepuzio viene tenuto e fatto scivolare su e giù sopra il glande che, a seconda della lunghezza del prepuzio, viene completamente o parzialmente coperto e poi scoperto in un rapido movimento. Il prepuzio esterno scivola dolcemente sul prepuzio interno. Il glande stesso può allargarsi e allungarsi man mano che la stimolazione continua, diventando di colore leggermente più scuro, mentre l’azione di scorrimento del prepuzio riduce l’attrito. Questa tecnica può essere utilizzata anche da alcuni uomini circoncisi che hanno un sufficiente eccesso di pelle rimasta dalla circoncisione.

La pelle del fusto può anche essere fatta scivolare avanti e indietro con il solo dito indice e il pollice avvolti intorno al pene. Sdraiato a faccia in giù su una superficie confortevole come un materasso o un cuscino, il pene può essere strofinato contro di esso. Questa tecnica può includere l’uso di un simulacro, o di una vagina artificiale.

Il massaggio della prostata è un’altra tecnica utilizzata per la stimolazione sessuale. La masturbazione anale senza stimolazione della prostata, con le dita o in altro modo, è un’altra tecnica che piace ad alcuni uomini.

Ci sono molte altre varianti sulle tecniche di masturbazione maschile. Alcuni uomini mettono entrambe le mani direttamente sul pene durante la masturbazione, mentre altri possono usare la mano libera per accarezzare testicoli, capezzoli o altre parti del corpo.

Alcuni tengono la mano ferma mentre pompano con spinte pelviche per simulare i movimenti del rapporto sessuale. Alcuni possono stendersi in posizione prona e strofinare i genitali contro il lenzuolo del letto o altra superficie, una tecnica chiamata “masturbazione prona”. In un bagno o in una doccia un maschio può dirigere l’acqua attraverso un soffione a mano al frenulo, ai testicoli o al perineo. Altri possono anche utilizzare vibratori e altri dispositivi sessuali più comunemente associati alla masturbazione femminile.

Donna

La masturbazione femminile comporta l’accarezzamento o lo sfregamento della vulva di una donna, in particolare del clitoride, con un indice o un dito medio, o entrambi. A volte una o più dita possono essere inserite nella vagina per accarezzare la sua parete frontale dove si può trovare il punto G. Gli ausili per la masturbazione come un vibratore, un dildo o le palle Ben Wa possono anche essere usati per stimolare la vagina e il clitoride. Molte donne si accarezzano il seno o stimolano un capezzolo con la mano libera e alcune godono anche della stimolazione anale. Le donne possono masturbarsi anche comprimendo le gambe, stringendo le cosce.

Come i maschi, le posizioni comuni per la masturbazione femminile includono sdraiarsi sulla schiena o a faccia in giù, sedersi, accovacciarsi, inginocchiarsi o stare in piedi. In una vasca da bagno o sotto la doccia una donna può dirigere l’acqua attraverso un soffione a mano verso il clitoride o la vulva. Sdraiata a faccia in giù si possono usare le mani, si può cavalcare un cuscino, l’angolo o il bordo del letto, la gamba di un partner o qualche vestito e strofinarvi la vulva.

Masturbazione reciproca

La masturbazione reciproca coinvolge due o più persone che si stimolano sessualmente, di solito con le mani. Può essere praticata da persone di qualsiasi orientamento sessuale e può far parte di altre attività sessuali. Può essere usata come preliminare o come alternativa alla penetrazione sessuale.

La masturbazione reciproca può essere praticata in coppia o in gruppo, ad esempio:

  • Masturbazione reciproca senza contatto: due persone si masturbano in presenza dell’altro ma non si toccano.
  • Masturbazione reciproca a contatto: una persona tocca un’altra per masturbarsi. L’altra persona può fare lo stesso durante o dopo.
  • Gruppo senza contatto: più di due persone si masturbano in presenza l’una dell’altra in un gruppo ma non si toccano.
  • Gruppo di contatto: più di due persone si toccano fisicamente per masturbarsi in gruppo.
  • Preliminari della masturbazione reciproca: la stimolazione manuale dei genitali dell’altro che porta ad un rapporto sessuale.