Periodo Refrattario

Periodo Refrattario

In ambito sessuale si definisce periodo refrattario un lasso fisiologico di tempo che interviene dopo l’orgasmo maschile, in cui l’uomo non prova più piacere e non può raggiungere un’erezione. Spesso un’ulteriore stimolazione del pene può provocare senso di fastidio o addirittura dolore.

Il periodo refrattario è provocato dal fatto che, in occasione dell’orgasmo, nell’organismo vengono rilasciate ossitocina eprolattina, due ormoni regolati principalmente dall’ipotalamo.

L’ossitocina è responsabile dell’abbassamento del livello di testosterone, mentre la prolattina inibisce temporaneamente il rilascio della dopamina. L’abbassamento dei livelli di testosterone e di dopamina ha come effetto collaterale il calo della libido, questo rende difficile un’ulteriore erezione in tempi brevi.

La maggior parte delle donne non ha un periodo refrattario subito dopo un orgasmo e in molti casi è in grado di raggiungere altri orgasmi mediante ulteriore stimolazione; allo stesso tempo molte donne provano ipersensibilità del clitoride dopo l’orgasmo, che di fatto costituisce un periodo refrattario.

Alcuni studi riportano che i maschi diciottenni hanno in media un periodo refrattario di circa 28 minuti, mentre i settantenni impiegano circa venti ore, mentre la media generale per i maschi adulti è di 55 minuti circa. Sebbene siano rari, ci sono maschi che non presentano un periodo refrattario o lo hanno minore di 10 secondi.