Sesso orale

Sesso orale

Il sesso orale è la pratica sessuale per la quale gli organi genitali del partner vengono stimolati con la bocca.

Il sesso orale è quindi la praticasessuale che comporta la stimolazione dei genitali di una persona da parte di un’altra che usa la bocca (comprese le labbra, la lingua o i denti) e la gola. La stimolazione orale di altre parti del corpo non è considerata sesso orale.

Il sesso orale può essere eseguito come preliminare per stimolare l’eccitazione sessuale prima di altre attività sessuali (come i rapporti vaginali o anali) o come atto erotico e fisicamente intimo in sé.

Come la maggior parte delle pratiche sessuali, il sesso orale può comportare il rischio di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili (MST/STD). Tuttavia, il rischio di trasmissione, in particolare per l’HIV, è notevolmente inferiore rispetto al sesso vaginale o anale. Quindi non può essere un metodo di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, ma rimane comunque un atto sessuale in cui non c’è contatto diretto dello sperma con la vagina, mentre può esserci contatto diretto dello sperma con la lingua e la mucosa della bocca.

Il sesso orale è spesso considerato un tabù, ma la maggior parte dei paesi non ha leggi che ne vietino la pratica.

Comunemente, le persone non considerano il sesso orale come un fattore che influisce sulla verginità di uno dei due partner, anche se le opinioni al riguardo sono varie.

In base alle diverse culture e psicologie, gli individui hanno una percezione e un rapporto variabile con il sesso orale, che può andare dal disgusto fino al preferirlo alla penetrazione. Infatti gli organi sessuali non sono le uniche parti anatomiche del corpo umano a essere molto sensibili e ricche di terminazioni nervose: lo sono anche la bocca, la lingua e le labbra. Per questo il piacere del sesso orale non si limita unicamente alla persona che lo riceve, inoltre il piacere del partner che lo offre può essere incentivato dal fatto di trovare eccitante il sapore e/o l’odore dell’apparato genitale di chi riceve.

Le tecniche

Fellatio

Questo tipo di stimolazione, che può portare all’orgasmo e all’eiaculazione, non è necessariamente dovuto alla suzione che è etimologicamente la “fellatio” in senso stretto, bensì allo stesso meccanismo del coito genitale: il partner stimola il glande con labbra e lingua praticando quindi un vero e proprio “penilingus”, in genere tenendo fermo il pene con la mano o accarezzandolo, coinvolgendo eventualmente nell’azione anche i testicoli.

Deepthroating

Tecnica definita in inglese deep throating (“gola profonda” – dal celebre film omonimo) e in italiano comunemente chiamata “soffocone”: l’intero pene eretto viene introdotto nella bocca del partner.

Irrumatio

La pratica dell’irrumatio è simile alla fellatio, ma comporta la penetrazione della bocca come orifizio passivo anziché attivo, questo significa che il controllo passa dalla persona che riceve il pene in bocca a quella che ve lo introduce.

Cunnilingus

La vulva, in particolar modo il clitoride, viene baciata, leccata o succhiata. Anche l’ingresso della vagina può essere stimolato con la lingua.

Facesitting

Il facesitting (letteralmente “sedersi sulla faccia”) è una forma di cunnilingus o anilingus in cui chi lo riceve ha un ruolo attivo e si siede sul viso della persona che lo offre, premendolo coi propri genitali o con il proprio ano.

Sessantanove o 69

In questa posizione il sesso orale può essere eseguito da entrambi i partner nello stesso momento. La posizione è così chiamata perché la forma delle cifre 6 e 9, intese come persone stilizzate, suggerisce proprio questa particolare posizione.

Le posizioni che si possono assumere durante un sessantanove sono:

  • quella in cui entrambi i partner sono l’uno di fronte all’altro distesi su di un fianco
  • quella in cui uno dei due si dispone sopra l’altro.

Teabagging

Teabagging è un termine gergale del linguaggio giovanile della cultura anglosassone che indica l’atto compiuto dal maschio dell’inserire il suo scroto all’interno della bocca del partner. In questa pratica erotica il partner può stimolare i testicoli baciandoli o leccandoli per aumentare il piacere della persona coinvolta.

Anilingus

L’anilingus, detto anche rimming o rimjob, consiste nello stimolare l’ano con la bocca e la lingua.